Nel 2014 il Consorzio In Concerto ha richiesto e ottenuto l’accreditamento presso la Regione Veneto per l’erogazione di Servizi per il Lavoro (ai sensi dell’art. 25 della L.R. n. 3/2009) con DDR n. 272 del 24 giugno 2014 e codice L198.

I Servizi al Lavoro sono un insieme di attività proposte ai lavoratori inoccupati, disoccupati o a rischio di perdere il lavoro finalizzate alla loro riqualificazione e inserimento lavorativo. Si tratta di interventi di formazione, orientamento, accompagnamento alla ricerca attiva di lavoro, all’inserimento lavorativo e alla tenuta del lavoro. Nell’ambito dei Servizi al Lavoro sono comprese anche attività a favore delle aziende che ricercano personale.

La mission della rete del Consorzio In Concerto è l’inclusione lavorativa di persone che faticano a reinserirsi autonomamente nel mercato del lavoro, nella convinzione che il lavoro è lo strumento per eccellenza per promuovere e sviluppare l’inclusione e l’empowerment dei cittadini. In questa cornice si è valutato che l’accreditamento ai Servizi al Lavoro sia un tassello importante per sviluppare competenze e per rispondere in modo sempre più efficace alle numerose richieste dei cittadini disoccupati o inoccupati del territorio, con particolare attenzione alle persone più deboli.

Leggi la Carta dei servizi

Progetti territoriali a favore dell’inclusione lavorativa delle persone maggiormente vulnerabili

Data la complessità del bisogno che spesso le persone più fragili presentano, per promuovere nuove opportunità occupazionali In Concerto si attiva continuamente per strutturare delle risposte condivise in collaborazione con i servizi pubblici e altri soggetti privati.

Patti Territoriali con i Comuni del territorio

Di fronte alle nuove povertà che emergono con forza al perdurare della crisi economica, molte iniziative sono state realizzate nel territorio per rispondere a questa emergenza, tuttavia scontano il limite della sporadicità producendo risultati provvisori. La costruzione di veri sistemi integrati di intervento per l’inclusione sociale e lavorativa di persone che si trovano a vivere condizioni di svantaggio e povertà diventa di rilevanza strategica per il welfare del territorio.

Da questa convinzione il Consorzio In Concerto a partire dal 2015 si è reso promotore della costituzione di quelli che ha definito “Patti Territoriali per l’Inclusione Lavorativa”.

L’obiettivo del Patto Territoriale per l’Inclusione Lavorativa è quello di condividere in primis con le Amministrazioni Comunali e poi con altri attori del territorio un patto per: contrastare lo stato di disoccupazione e la povertà promuovendo specifiche azioni rivolte all’avvio e alla tenuta dei percorsi di inserimento lavorativo; convertire spese dedicate all’assistenza economica in investimento verso l’inserimento lavorativo; condividere tra i diversi attori una modalità di presa in carico delle persone più fragili; ottimizzare servizi e risorse. Parallelamente il patto si prefigge di lavorare in modo condiviso anche per coinvolgere aziende del territorio per individuare opportunità di inserimento lavorativo.

I Comuni che finora hanno sottoscritto il Patto Territoriale per l’Inclusione Lavorativa con il Consorzio In Concerto sono i seguenti: Unione dei Comuni Marca Occidentale (Vedelago, Loria, Resana, Riese Pio X), Castelfranco Veneto, Valdobbiadene.

Adesione a bandi regionali

2013-2015: Progetto 52/1/1/1151/2013 P.O.R.T.O. – Promuovere Opportunità per il Reinserimento nel Territorio e l’Occupabilità – Nuove rotte per l’inclusione sociale nella Castellana

Nel 2013 il Consorzio In Concerto ha lavorato assiduamente con altri attori del territorio per strutturare e presentare in Regione Veneto il progetto P.O.R.T.O. Il progetto, presentato dal capofila Irecoop Veneto, ha visto il coinvolgimento di ben 27 soggetti partner tra i quali il Consorzio In Concerto, la Provincia di Treviso, Umana Forma Srl e la Cooperatia N.O.I. come partner operativi nell’erogazione di attività di politiche attive. I Comuni del territorio della Castellana e l’Azienda ULSS n. 8 hanno aderito al progetto come partner di rete partecipando all’individuazione e alla selezione dei candidati in collaborazione con i Centri per l’Impiego di Castelfranco Veneto, Montebelluna e Treviso. Le cooperative sociali afferenti alla rete del Consorzio In Concerto hanno aderito in qualità di partner aziendali assicurando la disponibilità ad accogliere i percorsi di inserimento lavorativo dei beneficiari del progetto.

Il progetto ha coinvolto in totale 68 persone disoccupate o inoccupate, di cui 40 sono state selezionate e gestite dal Consorzio In Concerto. Alcune sono state inserite in percorsi di tirocinio di inserimento o reinserimento lavorativo di contenuto fortemente professionalizzante con azioni di accompagnamento (formazione professionalizzante, counselling, ricerca attiva del lavoro e verifica degli apprendimenti), altre in percorsi di riqualificazione mediante attività di accompagnamento e una formazione professionalizzante più lunga.

Le azioni si sono chiuse a marzo 2015 con risultati del tutto positivi: dei 54 percorsi di tirocinio di inserimento o reinserimento lavorativo attivati, 38 sono sfociati in assunzione; dei 14 percorsi di formazione e riqualificazione per persone disabili (L. 68/99) attivati, al 50% è stato proposto un percorso di inserimento lavorativo in tirocinio; è stata attivata la start-up di un’impresa cooperativa per la produzione di pasta fresca; il servizio di informazione e consulenza all’assolvimento dell’obbligo secondo la L.68/99 è stato proposto a 108 aziende e ha promosso l’inserimento presso le aziende stesse di circa 100 disabili (attraverso tirocinio, assunzione diretta o contratto di somministrazione).

2016-2017: Progetto 57/1/316/2016 P.O.L.I.S. – Promozione di Opportunità di Lavoro e Inclusione Sociale nella provincia di Treviso

Nel 2016 il Consorzio In Concerto si è candidato quale partner operativo del progetto P.O.L.I.S. presentato dal capofila Ecipa Scarl e cofinanziato dalla Regione Veneto all’interno delle azioni integrate di coesione territoriale (AICT FSE 2014-2020). Il progetto che ha un respiro provinciale, prevede percorsi di riqualificazione e inserimento lavorativo per 122 persone in situazione di fragilità sociale, molte delle quali segnalate dai Comuni del territorio e dai Servizi territoriali dell’ULSS. Il Consorzio In Concerto è il partner referente per l’ambito territoriale dell’ULSS n.8 e sta gestendo le attività di politiche attive per 40 beneficiari del progetto. Il Consorzio In Concerto ha contributo attivamente alla costituzione del partenariato, coinvolgendo i Comuni del territorio con cui abitualmente collabora. In particolare hanno dato adesione al progetto i Comuni di Castelfranco Veneto, Castello di Godego, Crespano del Grappa, Borso del Grappa, Castelcucco, Paderno del Grappa, Montebelluna, Cavaso del Tomba e la neocostituita Unione di Comuni Marca Occidentale. In fase di selezione dei beneficiari il confronto con i Comuni e con i Servizi Specialistici dell’ULSS 8 sono stati assidui per meglio definire la presa in carico delle persone. I 40 beneficiari sono stati impegnati in 5 percorsi formativi, di cui uno riservato a persone con disabilità L.68/99, tutti della durata di 80 ore con successivi progetti di tirocinio di 3 o 4 mesi.

Il Consorzio In Concerto ha coinvolto come partner aziendali non solo le cooperative sociali ad esso afferenti, ma si è impegnato nell’instaurare nuove collaborazione anche con aziende profit del territorio in modo da moltiplicare le opportunità di inserimento lavorativo per i beneficiari del progetto.

Ora il progetto si trova in fase molto avanzata di svolgimento e terminerà entro il 30.11.2017.

Progetti con altri enti e associazioni del territorio

Il Consorzio In Concerto si rende disponibile a progettare insieme e condividere con attori del territorio specifici accordi rivolti al facilitare l’inserimento o il reinserimento lavorativo di persone che faticano ad essere autonome nell’accesso al mercato del lavoro.

Servizi al Lavoro e Aziende

Le Aziende del territorio possono trovare in Consorzio In Concerto un partner competente per l’individuazione e l’inserimento lavorativo di personale in base al profilo professionale indicato.

Tra le varie modalità di ingresso in Azienda, il tirocinio di inserimento/reinserimento lavorativo è stato individuato come lo strumento maggiormente adeguato, sia per il lavoratore (che ha l’opportunità per acquisire nuove competenze e sperimentare quelle possedute), sia per l’Azienda che attivando il tirocinio non instaura un contratto di lavoro, ma ha l’occasione di provare le abilità della persona, dando il tempo necessario per sviluppare le competenze che le mansioni richiedono.

Consorzio In Concerto mette in campo una serie di attività per sgravare quanto più possibile l’Azienda dagli oneri tecnico-amministrativi derivanti dall’attivazione del percorso di tirocinio. DI seguito in dettaglio:

 

CONSORZIO IN CONCERTO AZIENDA

– Individuazione della persona disoccupata in base al profilo professionale indicato dall’Azienda;

– Attivazione del tirocinio, predisponendo la documentazione necessaria (convenzione, progetto formativo, comunicazione UNILAV, …);

– Servizio di accompagnamento al tirocinante e supporto all’Azienda ospitante per favorire l’inserimento lavorativo nel contesto aziendale, organizzando specifici incontri per verificare l’acquisizione degli apprendimenti e il corretto comportamento del tirocinante;

– Gestione amministrativa del pagamento mensile della borsa lavoro del tirocinante.

 

– Collaborazione alla definizione del progetto formativo del tirocinante, individuando un tutor aziendale che affianca il tirocinante in Azienda;

– Gli oneri assicurativi INAIL e RC, in base alle mansioni che andrà a svolgere il tirocinante;

– Contribuire alla borsa lavoro come condiviso con Consorzio In Concerto e eventuali altri enti che cofinanziano il progetto di tirocinio;

– Provvedere al versamento del corrispettivo delle borse lavoro a Consorzio In Concerto, affinché gestisca l’erogazione della borsa lavoro mensile al tirocinante.

 

Articolo 14

L’art. 14 D.Lgs. 276/2003 è un’opportunità per aziende e cooperative sociali verso l’inserimento lavorativo di disabili con particolari difficoltà di collocabilità. Le aziende possono conferire commesse di lavoro alle cooperative sociali e avere così uno strumento aggiuntivo per l’adempimento dell’obbligo di collocamento di persone con disabilità (L.68/99).

In base alla convenzione quadro sottoscritta dalle parti sociali con la Provincia di Treviso, il valore minimo di una commessa per assolvere l’obbligo di una quota deve essere pari o superiore a 41.142 € all’anno per le aziende con più di 50 dipendenti; per le aziende con meno di 50 dipendenti scende a 25.000 €.

Ad oggi il Consorzio In Concerto conta:

-l’attivazione di accordi ex art. 14 con 21 aziende della Provincia di Treviso,

-grazie ai quali sono assunti presso le cooperative del gruppo 50 disabili difficilmente collocabili.